Sony A7r IV la mia new entry

Alla fine l’ho fatto, Sony A7r IV

Ci ho pensato tanto lo ammetto, per me , nato e cresciuto con la Canon, “felice” possessore di una Canon 1dX, pensare di passare ad una mirrorless era un passo molto lungo ed ardito, ma alla fine mi sono deciso

Il passo l’ho fatto piuttosto traumatico lo ammetto, ho dato via tutta la mia attrezzatura Canon ed ho preso tutto Sony

Quindi ho dato via la Canon 1dx, il 70-200, il 24-105 ed il 16-35, ed ho preso la Sony A7r IV, il 70-200GM ed il 16-35GM

Dunque, da dove comincio? Ovviamente dalla prima cosa e dal motivo per cui ho fatto il passaggio, e cioè il peso, la Sony A7r IV peso circa un chilo meno della Canon 1dx, questo ovviamente si ripercuote in maniera positiva sulla mia spalla, il mio tendine sottospinato ha beneficiato dell’alleggerimento, e me ne sono accorto già martedì quando per la prima volta sono rientrato in uno studio televisivo per lavoro, e dopo circa tre ore di lavoro non avevo la spalla dolorante.
La differenza tra i due corpi in termini di prestazioni è tutta racchiusa nelle caratteristiche tecniche
– 61 Megapixels per la Sony A7r IV e 24 Megapixels per la Canon 1dx Mark II
Cosa determina questa differenza? La cosiddetta “coperta corta”.


Mi spiego meglio, se da un lato i 61Mpx della Sony ti permettono di avere una risoluzione tale da fare crop notevoli e stampe di dimensioni inimmaginabili, dall’altro i 24Mpx della Canon erano più incisi e soffrivano meno gli iso più alti (meno fotodiodi sul sensore, meno risoluzione = immagine più pulita)


Questo per dirvi che ovviamente quando passerete dalla reflex alla mirrorless, dovrete fare una scelta, più Mpx o più incisività, ma questo è un cruccio che anche con le reflex è sempre venuto fuori, e che le mirrorless hanno solo accentuato

Per raccontarvi approfonditamente come mi trovo, dovrò avere ancora un pò di tempo, purtroppo, tra lockdown e chiusure l’ho potuta ustilizzare molto poco, ma prometto di parlarvene approfonditamente appena avrò un’idea più precisa

Intanto il dado è tratto!

Lascia un commento

*